Statuto La Via del Sacro Sentire

“ASSOCIAZIONE LA VIA DEL SACRO SENTIRE”

STATUTO   

Art. 1

DENOMINAZIONE E SEDE

È  costituita l’Associazione non riconosciuta denominata “ASSOCIAZIONE LA VIA DEL SACRO SENTIRE” con sede in Carpi (MO) , Corso A. Pio 56; essa è retta dal presente statuto e dalla vigenti norme di legge in materia.

Il Presidente in carica potrà istituire, previo parere favorevole del Consiglio direttivo, Sedi secondarie su tutto il territorio nazionale. L’istituzione e l’operatività di tali Sedi sarà disciplinata da apposito regolamento redatto dal Consiglio direttivo

Art. 2

CARATTERE DELL’ASSOCIAZIONE

L’Associazione ha carattere volontario, è una organizzazione non- profit con scopi educativi e divulgativi.

I soci sono tenuti ad un comportamento corretto sia nelle relazioni con gli altri Soci che con i terzi nonché all’accettazione delle norme del presente statuto.

L’Associazione potrà partecipare quale socio ad altre Associazioni aventi scopi analoghi nonché partecipare ad Enti con scopi sociali ed umanitari.

Art. 3

STATUTO,REGOLAMENTO, CODICE DEONTOLOGICO

L’Associazione “ LA VIA DEL SACRO SENTIRE” è disciplinata dal presente Statuto ed agisce nei limiti delle leggi statali e regionali, e dei principi generali dell’ordinamento giuridico.

Il regolamento interno disciplina, in armonia col presente Statuto, gli aspetti ulteriori relativi all’organizzazione e all’attività dell’Associazione e verrà redatto dal Consiglio Direttivo.

Il codice deontologico, cui verrà dotata l’Associazione ed al quale dovranno attenersi tutti i Soci indistintamente, verrà redatto successivamente al presente Statuto dal Consiglio Direttivo.

L’Associazione avrà durata sino al 31 dicembre 2060.

Art. 4

SCOPI DELL’ASSOCIAZIONE

L’Associazione “La Via del Sacro Sentire”, nasce con un intento vero. Lo scopo in essa racchiuso contiene un codice nuovo, dove l’informazione portata arriva in chiave utile ,ad elevare l’animo del prossimo. Alla base di tutto c’è la ricerca del proprio essere, dove la sublimazione CON IL “SENTIRE” accoglie l’armonia di un sapere profondo , misterioso, ancora oggi spesso sconosciuto. L’intento è quello di ARRIVARE MAGGIORMENTE AL CENTRO DI noi stessi e riportarlo alle memorie antiche, recuperando il Valore dentro ogni cuore. L’Associazione promuove il proprio operato affinchè sia udibile la voce di un sentire unico, elaborato poi, dall’innocente visione di amiche votate all’altruismo. Questo codice avrà come matrice ufficiale, l’intento di riuscire a stimolare nelle persone un nuovo pensiero, ma soprattutto un nuovo sentire consapevole ed elevato. Gli argomenti che l’Associazione propone hanno un aspetto sociale, educativo, morale.  L’Associazione si promuove per rompere vecchi schemi, appartenenti ormai ad una superata energia, organizzando conferenze, manifestazioni, percorsi scolastici, corsi, convegni sempre con obbiettivo OLISTICO  esoterico, naturale, spirituale. Uno degli aspetti più importanti su cui si sviluppa il proposto, è il grandioso lavoro di autoconsapevolezza , radici necessarie al crescere umano. L’Associazione si impegna a tale fine. Nuove idee, nuovi orizzonti, nuove valutazioni saranno presenti nell’operato prossimo. La Via del SacroSentire ; è tempo giusto, è tempo di rinascere.

L’Associazione ha per scopo l’insegnamento, la pratica e la divulgazione delle Discipline Olistiche  e la loro applicazione per un percorso etico- formativo – educativo.

Le Discipline Olistiche considerano la persona nella sua globalità secondo una visione rigorosamente olistica tenendo presente i vari aspetti: energetico, spirituale e psicofisico.

Da questo principio fondamentale è nata l’idea di formare un operatore che svolga con titolarità e autonomia professionale nell’ambito delle proprie competenze, l’attività diretta alla prevenzione primaria e alla salvaguardia della salute individuale e collettiva, che non utilizza farmaci, e la propria attività si esplica nella promozione del benessere, educando a stili di vita salubri, ad abitudini alimentari sane e a maggiore consapevolezza di comportamenti rispettosi dell’ambiente, che abbia una preparazione teorica a pratica basata sulla conoscenza generale delle maggiori discipline, delle metodiche olistiche, delle tecniche energetiche e nutrizionali attualmente più conosciute e che applicate sinergicamente abbiano dato dimostrazione di una maggiore efficacia quali: Naturopatia, Reiki, Metamorfica e principi universali, Bioenergetica; movimento e respiro, Massaggio olistico, Fitoterapia, Fitopratica, Fiori di Bach, Integratori alimentari, Shiatsu, Riflessologia, Cromoterapia, Cromopuntura, Aromaterapia, tecniche di meditazione, Danzoterapia: movimento corporeo, Musicoterapia, Watsu, Elementi di MTC ( i principali meridiani del corpo umano – i principali Centri di Energia Vitale del corpo umano (Chakra): collegamenti a ghiandole, organi,  sistemi e apparati – alterazioni energetiche dei Centri di energia Vitale e correlazioni integrative alla medicina allopatica, incentrate sulla acquisizione della piena consapevolezza e riscoperta degli strumenti che ogni uomo possiede e comunque può ricevere e imparare ad usare a livello manuale e mentale, stimolando il riequilibrio delle energie alterate con benefici a livello globale della salute per far si che la persona si renda parte attiva del percorso iniziato, consapevole delle capacità di auto guarigione e di recupero del proprio stato di salute.

Art. 5

ATTIVITA’ STRUMENTALI

Per il raggiungimento dei suoi scopi di insegnamento, pratica e divulgazione delle Discipline Olistiche ,Bio-naturali e del benessere e lo svolgimento di attività di utilità sociale a favore i associati o di terzi, senza finalità di lucro e nel pieno rispetto delle libertà della dignità degli associati, l’Associazione potrà, tra l’altro:

– promuovere attività, studi progetti, ricerche, esperienze terapeutiche per l’insegnamento e la tutela delle discipline olistiche , nonché tutte le altre attività di utilità sociale a favore di associati e terzi , senza finalità di lucro, ispirata ai principi di democrazia e di uguaglianza di tutti gli associati oltre alla solidarietà sociale, socioculturale e dell’assistenza sanitaria e sociosanitaria

– comprendente l’insegnamento delle discipline bio-naturali più diffuse e di comprovata efficacia per la formazione olistica di base al fine di far acquisire all’Operatore una conoscenza generale di tutte le maggiori discipline o metodi terapeutici con l’obiettivo di individuare meglio la terapia più appropriata da utilizzare in quel momento per quella persona;

– organizzare i servizi in genera, per le attività di applicazione elle tecniche energetiche e di rilassamento, da parte di soggetti singoli o collettivi, bambini, anziani e portatori di handicap, anche in collaborazione con Enti pubblici o privati, promuovendo iniziative tendenti ad attivare l’interesse della collettività su tematiche di particolare rilevanza culturale, oltre che per l’attivazione di progetti di scambio e cooperazione;

– promuovere la salute, la qualità dell’ambiente e del recupero del rapporto con la natura;

– occuparsi della diffusione, allestimento e organizzazione, in Italia e all’estero, di centri di applicazione delle tecniche energetiche e di rilassamento , con scuole, corsi, laboratori , seminari, convegni, conferenze, supporti magnetici audio-visivi, pubblicazione di scritti, libri e periodici

– istituire banche dati telematiche, creare e pubblicare materiali didattici a stampa e/o in formato elettronico, realizzare e pubblicare bollettini e riviste di atti congressuali multimediali e ipermediali, promuovere l’utilizzo delle nuove tecnologie informatiche avanzate;

– organizzare viaggi e soggiorni d’istruzione anche all’estero;

– individuare e promuovere iniziative, servizi, attività culturali e di ricerca etica, interiore, spirituale, convegni, mostre, esposizioni, spettacoli, atti a soddisfare le esigenze di conoscenza interpersonale promuovendo tra l’altro contatti sociali e relazioni tra gli associati, le associazioni e qualsiasi altro soggetto o aggregazione e altre iniziative promozionali e pubblicitarie atte a sostenere il raggiungimento degli obiettivi associativi;

– allestire centri con sede fissa allo scopo di accogliere i soci e loro familiari conviventi per lo svolgimento di attività culturali, ricreative, per il benessere psicofisico e per qualsivoglia altra iniziativa prevista dal presente Statuto;

– favorire, anche mediante sovvenzioni, lo sviluppo di istituzioni, associazioni, enti che operino per il raggiungimento di fini similari a quelli dell’Associazione o tali da facilitare all’Associazione stessa il raggiungimento dei suoi fini;

– partecipare o concorrere alla costituzione di fondazioni, associazioni, consorzi o altre forme associative, pubbliche o private, comunque volte al proseguimento degli scopia dell’Associazione;

– compiere qualsiasi operazione mobiliare, immobiliare, finanziaria, utile al raggiungimento degli scopi sociali, prestare fideiussioni e garanzie in genere, contrarre locazioni, assumere partecipazioni e interessenze in altre Associazioni o Imprese perseguenti fini analoghi purché tali attività non siano rivolte al pubblico;

– avvalersi prevalentemente  della attività prestate in forma volontaria, libera e gratuita dai proprio associati per il perseguimento dei fini istituzionali; in caso di necessità ‘Associazione potrà assumere lavoratori dipendenti  o avvalersi di prestazioni di lavoro autonomo, anche ricorrendo ai propri associati.

Art. 6

ASSOCIATI

L’Associazione è composta da soci fondatori, socia aderenti, soci sostenitori, soci onorari..

“Soci Fondatori” sono coloro che sono intervenuti all’Atto Costitutivo dell’Associazione e lo hanno sottoscritto,  sono a vita soci dell’ Associazione, partecipano in modo continuativo e permanente alle attività dell’Associazione, sono tenuti al pagamento delle quota annuale, ma oltre a prestare la propria attività a favore dell’ Associazione , possono erogare contributi volontari a favore della stessa. Essi partecipano all’Assemblea nazionale e a tutti loro spetta l’elettorato sia attivo che passivo.

I “Soci Aderenti” sono le persone fisiche che partecipano ai corsi e ad altre iniziative formative, culturali ed educative organizzate dall’ Associazione. Sono tenuti al pagamento  della quota annuale entri i termini previsti dal Regolamento, nonché di quote di frequenza alle singole iniziative dell’Associazione, qualora vengano richieste.

L’ammissione all’ Associazione è annuale ed è conseguente al pagamento della quota di adesione, il mancato rinnovo della quota annuale di adesione comporta la decadenza della qualità di associato. Essi possono partecipare alle Assemblee nazionali ed hanno diritto di voto attivo e passivo.

L’Associazione è libera di ricevere donazioni, contributi, lasciti testamentari da terzi, siano esse persone fisiche che persone giuridiche, a sostegno della propria attività istituzionale

I “Soci Onorari” sono le persone fisiche italiane e straniere che per la loro personalità, per la loro frequenza all’attività dell’Associazione o per aver svolto attività a favore della stessa, hanno contribuito al suo consolidamento ed alla sua valorizzazione. La nomina è di competenza dell’Assemblea, previo parere del consiglio Direttivo. I soci onorari sono esentati dal pagamento della quota associativa annuale e sono privi di elettorato attivo e passivo.

Tutti i suddetti soci hanno la facoltà di recedere dall’Associazione con effetto immediato dalla data di ricezione da parte dell’Associazione stessa della comunicazione scritta di recesso.

Art. 7

AMMISSIONE

Possono essere soci sia persone fisiche, sia persone giuridiche private, senza scopo di lucro o economico, possono altresì essere soci persone giuridiche pubbliche esclusivamente in considerazione di particolari situazioni oggettivamente funzionali allo scopo Istituzionale, in numero minoritario all’interno del corpo assembleare e senza detenere posizioni si direzione nell’ambito dell’Associazione, senza discriminazione politica, religiosa, sociale, economica o di qualsiasi altra natura, che condividano le finalità dell’Associazione stessa e riconoscano completamente i principi del presente Statuto.

Le persone fisiche, che debbono possedere i requisiti di buona condotta morale e civile e professare notoriamente idee e sentimenti ispirati alla democrazia, alla diffusione dei valori laici, devono presentare domanda scritta al Consiglio Direttivo, indicando le generalità complete e l’attività svolta in relazione ai requisiti richiesti per partecipare alle diverse attività organizzative dell’Associazione. Al momento dell’ammissione, l’associato dovrà versare la quota di iscrizione stabilita dall’assemblea, l’adesione è a tempo determinato e non può essere disposta per un periodo temporaneo, fermo restando in ogni caso il diritto di recesso. Le quote sociali non sono ripetibili né trasmissibili a qualsiasi titolo.

Art. 8

DIRITTI DEI SOCI

L’adesione all’Associazione comporta per l’associato il diritto di voto nell’Assemblea dei soci e l’elezione alle cariche sociali, purché in regola con il versamento della quota annuale.

Il socio ha il diritto di frequentare i locali sociali, di partecipare a tutte le attività dell’Associazione, senza alcuna limitazione o discriminazione, inoltre ha il diritto di informazione e di controllo come stabiliti dalle leggi, dallo Statuto e dal Regolamento.

I soci hanno diritto a essere rimborsati delle spese effettive sostenute per l’attività prestata per l’Associazione, secondo modalità e limiti stabiliti nel Regolamento interno.

Art. 9

DOVERI E PRESTAZIONE DEI SOCI

I soci devono osservare il presente Statuto nonché i regolamenti relativi all’attività sociale ed ogni provvedimento emesso dagli organi Direttivi, pagare la quota sociale stabilita annualmente dell’Assemblea dei soci. L’appartenenza all’Associazione è valida fino al 31 dicembre dell’anno di riferimento della quota sociale versata.

Il comportamento verso gli altri soci e all’esterno dell’Associazione deve essere improntato all’assoluta correttezza e buona fede, ciascuno è obbligato moralmente a contribuire alla migliore organizzazione dell’Associazione per il completo conseguimento degli scopi sociali.

Per il perseguimento dei fini istituzionali , l’Associazione si avvale prevalentemente delle attività prestate in forma volontaria dai propri associati che devono svolgere l’attività in favore dell’Associazione senza fini di lucro, e nel rispetto della Legge 7 dicembre 2000 n.383 e successive modifiche e integrazioni. L’Associazione può, in caso di necessità particolari,, assumere lavoratori dipendenti o avvalersi di prestazioni di lavoro autonomo, anche ricorrendo ai propri associati.

Per l’espletamento delle attività istituzionali svolte in base alle convenzioni di cui all’art.30 della L. 7/12/2000 n.383 e successive modifiche e integrazioni, i lavoratori che facciano parte di associazioni iscritte nei registri di cui all’art. 7 della stessa legge, hanno diritto di usufruire delle forme di flessibilità dell’orario di lavoro e delle turnazioni previste dai contratti e dagli accordi collettivi, compatibilmente con l’organizzazione dell’Associazione. Le prestazioni di servizi resi nei confronti dei familiari conviventi degli associati,sono equiparate, ai fini fiscali a quelle rese agli associati.

Art. 10

ESCLUSIONE

Il socio che contravviene ai doveri indicati dal presente Statuto e dal Regolamento interno o che con il suo comportamento possa recare nocumento al buon nome o agli interessi dell’Associazione, può essere sospeso dall’Associazione con delibera del Consiglio Direttivo. In ogni caso, prima di procedere alla esclusione, devono essere contestati per iscritto al socio gli addebiti che allo stesso vengono mossi, consentendogli facoltà di replica. Contro il provvedimento di esclusione l’interessato potrà presentare ricorso, sul quale si pronuncerà in via definitiva l’assemblea dei soci alla sua prima convocazione ordinaria. Il socio può in ogni momento recedere, comunicando la sua decisione al Consiglio Direttivo a mezzo lettera raccomandata.

Art. 11

ORGANI DELL’ASSOCIAZIONE

Sono organi dall’Associazione:

  1. a)      – Assemblea dei soci
  2. b)      – Consiglio Direttivo
  3. c)      – Il Presidente
  4. d)      – il Vice Presidente
  5. e)      – Il Tesoriere
  6. f)        – Il Segretario

Art. 12

ASSEMBLEA DEI SOCI

L’Associazione ha nell’Assemblea il suo Organo Sovrano. Hanno diritto di partecipare all’Assemblea sia ordinaria che straordinaria tutti i soci in regola con il versamento delle quote sociali ed esercitano illimitatamente l’elettorato attivo e passivo.

L’Assemblea approva le linee programmatiche delle attività proposte dal Consiglio Direttivo e delibera le modifiche allo Statuto, approva il Regolamento interno, il Codice Deontologico, il bilancio consuntivo, quello preventivi e la nomina degli altri organi, escluso il Tesoriere.

L’Assemblea è presieduta dal Presidente del Consiglio direttivo, o in sua assenza dal Vice Presidente, o da un altro membro del Consiglio indicato all’uopo dai partecipanti, o in mancanza, da uno dei presenti indicato dai partecipanti.

Art. 13

CONVOCAZIONE DELL’ASSEMBLEA

L’Assemblea viene convocata in via ordinaria almeno una volta all’anno entro il 30 aprile, entro quattro mesi dalla chiusura dell’esercizio, per l’approvazione del bilancio precedente, per presentare il bilancio preventivo dell’anno in corso e per l’eventuale rinnovo delle cariche sociali.

L’Assemblea può inoltre essere convocata anche in sede straordinaria: tutte le volte che il Consiglio Direttivo o il Presidente lo reputino necessario ed ogni qualvolta ne facciano richiesta motivata scritta indirizzata al Presidente almeno un terzo dei soci, almeno tre Consiglieri o il Collegio dei Sindaci Revisori.

Le Assemblee ordinarie e straordinarie sono convocate, con preavviso di almeno 15 giorni prima rispetto alla data in cui si terranno, mediante affissione di avviso da apporsi in apposita bacheca presso la sede sociale , o, e-mail, o .pubblicazione da inserire nel sito internet ufficiale dell’Associazione, o , con comunicazione scritta anche a mezzo raccomandata a .r , contenente la data, il luogo, l’ora in cui si terrà l’Assemblea, l’ordine del giorno, da inviare o comunicare a tutti gli associati titolari di diritto di voto attivo o passivo. Inoltre l’Assemblea deve essere convocata entro trenta giorni dalla scadenza del mandato degli organi dell’Associazione per il rinnovo delle cariche.

Art. 14

COSTITUZIONE E DELIBERAZIONI DELL’ASSEMBLEA

L’Assemblea è validamente costituita e delibera con le maggioranze previste dall’art. 21 C.C, in prima convocazione con la presenza di almeno la metà degli associati aventi diritto di voto attivo ed in seconda convocazione l’assemblea è valida qualunque sia il numero dei soci presenti.

Per le deliberazioni che comportano la modifica dell’Atto costitutivo e dello Statuto , in prima convocazione occorre la presenza di almeno la metà degli associati con diritto di voto attivo e, in seconda convocazione, di almeno il decimo degli associati con diritto di voto.

Ogni socio ha uguale diritto di voto e può conferire delega per iscritto esclusivamente ad altro socio purché non amministratore o dipendente né revisore dei conti . E’vietato cumulare più di due deleghe. L’Assemblea è presieduta dal Presidente nominato come descritto nell’art. 13 del presente Statuto.

I verbali delle riunioni dell’assemblea sono redatti da persona scelta dal Presidente fra i presenti che funge da Segretario. L’Assemblea vota normalmente per alzata di mano, decisione del presidente e per argomenti di particolare importanza la votazione può essere effettuata a scrutinio segreto; il Presidente dell’Assemblea può inoltre, in questo caso, scegliere due scrutatori fra i presenti.

Le deliberazioni adottate dovranno essere riportate su apposito libro dei verbali e sottoscritte dal Presidente e dal segretario.

Le deliberazioni prese in conformità alla legge e allo Statuto obbligano tutti i Soci anche, dissidenti o astenuti al voto.

Art. 15

IL PRESIDENTE

Il Presidente viene eletto dal Consiglio Direttivo tra i  propri membri  e dura in carica fino alla scadenza del Consiglio ed è rieleggibile.

Il Presidente ha la rappresentanza legale dell’Associazione nei confronti nei confronti di terzi e in giudizio e ha la firma sociale. Il Presidente, coadiuvato da segretario, cura l’esecuzione delle deliberazioni del Consiglio Direttivo e provvede ai rapporti con le Autorità e la Pubbliche Amministrazioni.

Il Presidente firma gli atti e quanto occorre per l’esplicazione di tutti gli affari che vengono deliberati; sorveglia il buon andamento amministrativo dell’Associazione; cura l’osservanza dello Statuto e ne promuove la riforma qualora si renda necessario; adotta in caso di urgenza ogni provvedimento opportuno, sottoponendolo a ratifica del Consiglio Direttivo. Concede deleghe per particolari compiti e funzioni. In caso di sua assenza o impedimento , tutte le sue mansioni spettano al Vice Presidente.

Art. 16

IL VICE PRESIDENTE

Il Vice Presidente viene eletto dal Consiglio Direttivo tra i propri membri  e dura in carica  fino alla scadenza  del Consiglio Direttivo ed è rieleggibile.

Coadiuva le attività del Presidente e lo sostituisce in tutte le mansioni in caso di sua assenza o impedimento.

Art. 17

IL SEGRETARIO

Il Segretario viene eletto dal Consiglio Direttivo tra i propri membri, dura in carica fino alla scadenza dello stesso ed è rieleggibile.

Egli collabora con il presidente e il vice Presidente alla preparazione dei programmi di attività dell’Associazione ed alla presentazione agli organi collegiali, nonché al successivo controllo dei risultati:

all’attuazione delle deliberazioni  del Consiglio Direttivo ed alla predisposizione degli schemi del bilancio preventivo e del conto consuntivo.

Cura il disbrigo degli affari ordinari, provvede alla firma della corrispondenza corrente, tiene aggiornato il registro degli associati e svolge ogni altro compito a lui domandato dalla presidenza e dal consiglio Direttivo dai quali riceve direttive per lo svolgimento dei suoi compiti

Art. 18

BILANCIO CONSUNTIVO E PREVENTIVO

L’esercizio sociale ha inizio il 1°gennaio e termina il 31 dicembre di ogni anno.

Il Consiglio Direttivo predispone per ogni esercizio il bilancio consuntivo economico-finanziario e quello preventivo.

Tali bilanci sono depositati presso la sede dell’Associazione almeno 30 giorni prima dell’Assemblea dei soci da convocare entro il 30 giugno. Ogni associato può chiedere copia dei bilanci. L’Assemblea dei soci, con la maggioranza semplice dei presenti, approva il bilancio preventivo e consuntivo.

Art.19

PATRIMONIO

AVANZI DI GESTIONE

L’Associazione trae le risorse economiche per il suo funzionamento e per lo svolgimento della propria attività:

  1. a)      dalla quote di iscrizione da versarsi all’atto dell’ammissione dell’Assemblea nella misura fissata dall’Assemblea;
  2. b)      dai contributi annui ordinari, da stabilirsi annualmente dalla Assemblea su proposta del Consiglio Direttivo;
  3. c)      dalle quote di socio sostenitore;
  4. d)      da eventuali contributi straordinari, deliberati dalla Assemblea in relazione a particolari iniziative che  richiedono disponibilità eccedenti quelle del bilancio ordinario;
  5. e)      da versamenti volontari degli associati e di terzi;
  6. f)        da contributi dello Stato, delle Regioni, di Enti locali, di istituti di credito;
  7. g)      da enti o da istituzioni in genere anche finalizzati al sostegno di specifici e documentati programmi realizzati nell’ambito dei fini statutari;
  8. h)      da contributi dell’Unione Europea e di organismi internazionali;
  9. i)        da proventi derivanti da prestazioni di servizi convenzionati svolte in maniera ausiliaria e sussidiaria e in ogni caso finalizzati al raggiungimento degli obiettivi istituzionali;
  10. j)        da entrate derivanti da iniziative promozionali finalizzate al proprio funzionamento, quali intrattenimenti sociali e sottoscrizioni anche a premi;
  11. k)      da sovvenzioni, donazioni e lasciti di terzi e/o di associati.

I contributi ordinari sono dovuti per tutto l’anno solare in corso qualunque sia il momento del’avvenuta iscrizione da parte dei nuovi soci, gli stessi devono essere pagati in unica soluzione entro il 31 marzo di ogni anno.

Il patrimonio dell’Associazione è sostituito:

  1. a)      dai bene immobili e mobili di proprietà  comune dell’Associazione;
  2. b)      dai beni immobili e mobili provenienti da donazioni o lasciti a favore dell’Associazione
  3. c)      dagli incrementi o dai decrementi derivanti dagli avanzi o dai disavanzi di gestione.

I lasciti testamentari sono accettati con beneficio di inventario. Il Presidente attua le delibere di accettazione e compie i relativi atti giuridici. Le convenzioni sono accettate con delibera del Consiglio Direttivo che autorizza il Presidente a compiere gli atti in esecuzione.

Il patrimonio dell’Associazione  non può essere destinato ad altro uso se non a quello per il quale è stato costituito. All’Associazione è vietato distribuire, anche in modo indiretto, utili o avanzi di gestione, nonché fondi, riserve, capitale, durante la vita dell’Associazione stessa, a meno che la destinazione o la distribuzione non siano consentite per legge o siano effettuate a favore di altre organizzazioni non lucrative di utilità sociale che per legge, Statuto o regolamento facciano parte della stessa ed unitaria struttura.

L’Associazione ha l’obbligo di impiegare gli utili e gli avanzi di gestione per la realizzazione delle attività istituzionali e di quelle ad esse direttamente connesse.

Art. 20

RESPONSABILITA’

Gli aderenti all’Associazione sono assicurati contro gli infortuni, malattie e per responsabilità civile verso i terzi derivante dallo svolgimento dell’attività.

L’Associazione risponde, con i propri beni, dei danni causati a terzi per l’inosservanza delle convenzioni o dei contratti stipulati.

Art. 21

DISPOSIZIONI FINALI

L’Associazione si estingue nei casi previsti dall’art. 27 del Codice Civile.

Lo scioglimento è deliberato dall’Assemblea straordinaria dei soci la quale nominerà uno o più liquidatori anche fra i proprio associati stabilendone poteri e compensi.

In caso di scioglimento o cessazione dell’attività per qualsiasi causa, l’Associazione ha l’obbligo di devolvere il suo patrimonio, costituito ai sensi dell’art.24 del presente Statuto, ad altre organizzazioni non lucrative di utilità sociale o ai fini di pubblica utilità, sentito il competente organismo di controllo, salvo diversa disposizione di legge.

Per quanto non previsto dal Presente Statuto si farà riferimento agli artt. 36 e seguenti del Codice Civile e le altre norme di legge in materia ed in particolare a quelle di cui alla legge 7 dicembre 2000 n. 383 e successive modifiche e integrazioni.

Le controversie tra gli associati e tra gli associati e l’Associazione sono demandate al parere obbligatorio del Consiglio Direttivo.

Per tutte le controversie di cui sopra è competente il Foro di Modena.